Bialetti

L’expertise di Bialetti nel mondo del caffè, che si afferma per la prima volta nel 1933 con il lancio di Moka Express, si è mantenuta inalterata nel tempo. Sempre nel fedele rispetto della propria tradizione ma, grazie ad un costante investimento in innovazione, si è innescato quell’importante processo di evoluzione estetica della classica “Moka”: vengono così concepiti nuovi prodotti come Dama e Break, le caffettiere dalle forme più arrotondate, nate nel 1995 dall’estro del celebre industrial designer Pino Spagnolo. Negli anni più recenti, altri esclusivi modelli di caffettiere hanno dato continuità al prestigio del brand quali l’innovativa Brikka e l’elegante Dama Gran Galà. Un ulteriore esempio, nell’ambito dell’innovazione di prodotto, è rappresentato da Mokona, che nel 2006 ha sancito l’ingresso di Bialetti Industrie nel comparto delle macchine elettriche per caffè espresso: uno strumento moderno - ma caratterizzato da un design retrò, ispirato a Moka Express - dall’innovativa funzionalità trivalente (capsule, cialde e caffè macinato), che l’ha resa immediatamente prodotto di punta nel relativo mercato e top seller di categoria.

L’ultimo grande passo compiuto da Bialetti, nel suo percorso d’innovazione, è stato il suo ingresso nel settore delle macchine da caffè a sistema chiuso, con il progetto Bialetti I Caffè d’Italia, scaturito da un’indagine condotta sulla percezione del marchio da parte dei consumatori, che ha evidenziato come essi già da tempo associassero spontaneamente il brand Bialetti alla vera e propria produzione di caffè per caffettiere o macchine espresso.

Nel 2010 Bialetti Industrie ha così deciso di penetrare realmente il mercato, brevettando una capsula unica ed inimitabile dotata di un corpo in alluminio, ideale per conservare l’aroma dei 7 grammi di caffè che contiene. Le capsule Bialetti, proposte nelle sette miscele Milano, Venezia, Torino, Roma, Napoli, Deca e Bio- che sono il risultato di attente ricerche condotte sui gusti degli italiani, piuttosto diversi da regione a regione – si adattano alle macchine elettriche a sistema chiuso Diva, Mini Express e Cuore, nonché ai più recenti modelli di macchina a sistema aperto rappresentati da Mokissima e Tazzissima.

Allo stesso tempo, il prestigio di Bialetti torna a brillare anche sugli strumenti da cottura grazie alla nascita della linea Donatello dotata dell’esclusivo rivestimento interno antiaderente Petravera. 

Nel corso del 2013, inoltre, Bialetti lancia sul mercato Bialetti Dolce Chef, linea dedicata al mondo della pasticceria e composta da quattro segmenti: stampi in carbon Steel, stampi in silicone, accessori per le diverse preparazioni e decorazioni.

Nel 2014 Bialetti presenta Moka Induction, un’innovazione straordinaria nel settore delle caffettiere tradizionali: si tratta, infatti, della prima Moka adatta per essere utilizzata anche su piani a induzione, che combina due materiali di alta qualità come la lega in alluminio del coperchio e del raccoglitore e l’acciaio inossidabile della caldaia e dell’imbuto.

Nel 2015 invece Bialetti introduce sul mercato Cuore, la prima macchina per caffè espresso sospesa, dotata di un nuovo gruppo di erogazione brevettato.

Vuoi saperne di più?

Visita il sito www.bialetti.it

Data ultimo aggiornamento 03/01/2016 10:45